Dimenticato la password?

venerdì 24 marzo 2017 - 15:04:44

Arrivederci e Grazie Fulvia, Benvenuta Valeria!



mulas-erasmi.jpg
Scrivere spesso aiuta ad articolare i pensieri. Quando ho deciso di candidarmi alle primarie e ho cominciato a cullare l’idea di fare il sindaco, ho cercato di mettere ordine e dare una linearità alla massa di idee che avevo in testa e anche a come intendere il ruolo.

Se per molti versi ho trovato conferme rispetto a ciò che attendevo, con il senno di poi ho dovuto fare i conti con alcune sorprese. Penso alla tortuositá di alcuni meccanismi amministrativi, alla gestione del personale, al rapporto con i sindacati, alle lungaggini delle gare. Solo per dirne alcuni.

Credo però di aver avuto alcune intuizioni corrette. Tra queste annovero la scelta di dedicarmi a tempo pieno a questa esperienza. Sapevo che non sarebbe stato semplice da far capire. “Vivere di politica”, essere un “politico di professione”, almeno per una fase della vita... quante volte mi sono messo in dubbio rispetto a questa decisione. Quando ti viene inculcata una certa cultura del lavoro é difficile assuefarsi a ciò. Per convincermi mi chiedo peró che cosa avrebbe da rimproverarsi una persona che lo fa onestamente e che si impegna. Penso niente. A maggior ragione io credo nell’importanza di quel che faccio: la politica specie quella nazionale puó essere colta come ininfluente. Un sindaco puó fare bene o male, ma non puó essere ininfluente perché in qualche modo é sempre coinvolto nelle dinamiche del suo paese.

A dispetto della mia piena disponibilità, posso dire serenamente che il fatto di voler “essere sul pezzo” sempre, fa sì che il tempo non basti mai. All’attività ordinaria si aggiunge sempre qualche imprevisto che scombina agende e buon umore. Si corre sempre.

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - Lascia un commento prima dei tuoi amici - Stampa veloce crea pdf di questa news

domenica 12 marzo 2017 - 16:11:28

Bilancio di Previsione 2017: la rotta



rotta_nautica.jpg
Osservando Cesano nell’ultimo anno e mezzo si può vedere che qualcosa è ripartito sul fronte degli investimenti pubblici. Ci siamo concentrati soprattutto sull’edilizia scolastica, mettendo mano significativamente a quasi tutti i plessi scolastici (Dante Alighieri, Matteotti, Saragat, Leonardo da Vinci) mentre su altri abbiamo riqualificato le palestre e realizzato l’aula di musica (Alessandrini) e cambiato i sanitari (Infanzia Acacie). Abbiamo inoltre riasfaltato diverse vie (buone ultima via Pogliani) e qualche marciapiede. Detto ciò, è altrettanto evidente che il lavoro che abbiamo di fronte è enorme (ci provo sempre… per un breve sunto di quanto nei primi due anni potete leggere i resoconti 1 e 2). 

Cesano è passata in pieno dalla morsa del patto di stabilità che tra gli anni 2010 e 2015 ha bloccato gli investimenti pubblici e possiamo affermare con buona approssimazione che oggi quel “buco” nella manutenzione del patrimonio pubblico pesa. Gli interventi ordinari, che negli anni pre-crisi erano sufficienti per mantenere il comune in ordine oggi sono solo dei tamponi. Da questo punto di vista l’orizzonte si sta schiarendo e occorrerà qualche anno per tornare a regime.

Grazie agli sforzi nella revisione della spesa e al superamento del patto di stabilità per come l’avevamo conosciuto (e questo è merito del governo Renzi), nel bilancio 2016 - per la prima volta da quando amministriamo - abbiamo avuto a disposizione 2.5 milioni di euro da destinare alle spese in conto capitale.

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - Lascia un commento prima dei tuoi amici - Stampa veloce crea pdf di questa news

mercoledì 01 marzo 2017 - 11:24:34

Bilancio di Previsione 2017: il termometro


Approvato il 16/2 in consiglio comunale


febbre_termometro.jpg
Quando si affrontano discussioni di natura economica, spesso ci si dimentica che un bilancio non è lo specchio del paese cui si riferisce. La realtà è molto più complessa di quanto possano dirci dei numeri disposti in colonne e non sempre dai numeri si coglie quanto si incide sulla vita delle persone.

Resta il fatto però che il bilancio è un indicatore prezioso e funge al contempo da termometro e da rotta di un’amministrazione comunale. Termometro perché ci dice in maniera chiara qual è lo stato delle finanze di un comune, la rotta perché indica dove si sta andando, quali sono le scelte qualificanti. Quali le sensibilità.

In questo primo articolo ci concentreremo sul termometro. 

Portare in consiglio comunale un bilancio nel mese di febbraio è una novità assoluta, almeno da quando mi occupo di politica locale. Nello scorso anno ci arrivammo ad aprile, nel 2014 - anno di inizio mandato e particolarmente tribolato - addirittura a settembre. Dal punto di vista della programmazione si tratta di una scelta preziosa: una volta approvato il bilancio di previsione, gli uffici possono in piena autonomia impegnare le somme stanziate, lanciare le gare. Tanto per fare un esempio, significa non ridursi a novembre con la manutenzione stradale...

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - Lascia un commento prima dei tuoi amici - Stampa veloce crea pdf di questa news

lunedì 06 febbraio 2017 - 11:53:48

Perché un Bilancio Partecipativo?


Ultimi giorni per votare


scuola_di_atene.jpg
Fino al 14 febbraio ci sarà la possibilità di votare per la prima esperienza del Bilancio Partecipativo di Cesano Boscone collegandosi al sito: http://bilanciopartecipativocesano.it/

Questo processo non parte oggi, come molti di voi sapranno, ma è attivo ormai da mesi: i cittadini sono stati posti al centro. Li si è ascoltati, hanno avanzato proposte, le hanno raccolte in 5 progetti che sono stati sottoposti al voto della cittadinanza.

L’amministrazione comunale ha messo a disposizione 200.000 euro che si sono liberati dalla ricontrattazione di vecchi mutui presso la Cassa Depositi e Prestiti.

Il giorno 16 febbraio, in occasione della discussione in consiglio comunale del Bilancio di Previsione 2017, verranno resi noti i risultati del voto. I progetti vincitori, dopo aver attraversato una fase di elaborazione maggiormente dettagliata da parte degli uffici comunali, verranno realizzati nella prossima estate, a seguito dell’espletamento delle procedure per l’affidamento dei lavori.

Nei fatti, questa formula costituisce  una parentesi di democrazia diretta all’interno dell’attività amministrativa.

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - Lascia un commento prima dei tuoi amici - Stampa veloce crea pdf di questa news

venerdì 13 gennaio 2017 - 15:29:12

Cereda: ottenuto finanziamento regionale!



campo-sintetico_mini.jpg
Il progetto presentato la scorsa primavera volto ad interventi di riqualificazione del Centro Sportivo "Bruno Cereda" è stato finanziato da Regione Lombardia.

La nostra proposta è stata riammessa a seguito dello slittamento della graduatoria, non avendo alcuni comuni che ci precedevano onorato le scadenze imposte dalla regione. Eravamo tra i primi esclusi. Su 333 progetti presentati sono stati finanziati 45 interventi.

Avevamo puntato in alto. I comuni infatti potevano richiedere fino al 50% di quanto previsto nel progetto a fondo perduto (da 50.000 a 250.000 euro). Nel nostro caso, avevamo presentato una proposta da 500.000 euro e quindi avanzavamo la richiesta di 250.000 euro.

Del resto da anni il nostro Cereda necessita di adeguata manutenzione. L’impianto di illuminazione del campo centrale, ad esempio, è attaccato a un filo - passatemi l'ironia - e gli interventi degli ultimi anni per mantenerlo in vita, a causa di vetustà e furti, possono permettere di affrontare in qualche modo la stagione sportiva, ma non danno certo garanzie sul medio periodo.

Attraverso il bando regionale potremo così aggiungere 214.000 euro ai 250.000 che metteremo a disposizione noi attraverso un mutuo a tasso agevolato con il credito sportivo.

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - Lascia un commento prima dei tuoi amici - Stampa veloce crea pdf di questa news

mercoledì 21 dicembre 2016 - 16:49:46

L'Ecocalendario 2017


Il testo che ho scritto per introdurre l'ecocalendario


ecocalendario_2016.png
L’idea stessa di un oggetto è commisurata al suo uso. Pensiamo a una sedia, a un’abat-jour, a un mobile, a una mela, a una pila per il servizio che ci rendono, per ciò che ci servono. Li consideriamo se funzionanti, ma quando si rompono o sono vetusti, escono dalle nostre grazie e in quanto rifiuti, per noi hanno un po’ smesso di esistere. 

Eppure anche quando pensiamo di esserci liberati definitivamente di loro, dobbiamo pensare che la loro vita continua. 

Soprattutto quando escono dalle nostre case, siamo noi che decidiamo il loro destino. Che poi in fondo è anche il nostro.

Abbiamo una responsabilità enorme, di cui spesso non siamo coscienti, ossia che esiste un legame tra il modo in cui quell’oggetto viene gestito e l’inquinamento e il degrado che quotidianamente provochiamo.

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - Lascia un commento prima dei tuoi amici - Stampa veloce crea pdf di questa news

martedì 20 dicembre 2016 - 19:49:50

Anche in Gobetti i bambini ci parlano di Integrazione



recita_gobetti_natale2016.jpg
Suonerà strano ma non vuole assolutamente essere polemico questo mio breve scritto. Nè di rottura. Abbiamo tutti negli occhi le immagini di un TIR che si getta sulla folla di un mercatino di Natale. Un attacco all’Europa, al Natale, alla Felicità. Probabilmente per mano del terrorismo islamico. Fino a qualche ora fa si pensava che il vile attentatore fosse addirittura un rifugiato, accolto in qualche modo - ma pur sempre accolto - dalla grande Germania. Nelle ultime ore abbiamo saputo che il fermato era in realtà innocente. 

Pur non sapendolo ancora - ed è questo il fatto politico più rilevante - la cancelliera tedesca Angela Merkel impartiva a tutti quelli che si cimentano con la cosa pubblica un’altissima lezione: “E’ un giorno duro. Ma continueremo a sostenere chi chiede di integrarsi nel nostro Paese”. In Germania si voterà nei prossimi mesi. Ed è evidente che un’affermazione di questa natura indebolisca - visti i venti che spirano - una figura pur così prestigiosa. 

L’immigrazione è un tema molto complesso. Necessario regolare i flussi. Necessario contrastare in ogni modo le derive della religione musulmana e dell’islamismo. Necessario che chi arriva in Europa diventi europeo, prima nella lingua e nel rispetto delle nostre leggi che sui documenti.

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - Lascia un commento prima dei tuoi amici - Stampa veloce crea pdf di questa news

venerdì 16 dicembre 2016 - 17:23:54

Che Recita alla Monaca!



20161214_155732.jpg
Ormai ho assistito a più di una recita presso la scuola Monaca dell’ “Istituto da Vinci” e, senza nulla togliere agli altri, si osserva sempre un sforzo senza pari relativamente alle scene, alle coreografie, ai costumi.

In vista del Natale 2016, è stato il primo plesso in cui mi sono recato.

Un bello spettacolo. La qualità e la dedizione cui eravamo già abituati. Molto intrigante e intrecciata la trama: si parte con una famiglia presso un centro commerciale, con i bimbi vibranti per lo spirito natalizio e forse a caccia di un po’ di attenzione da parte degli adulti, e i genitori invece preoccupati a gestire al meglio l’annuale scadenza e incuranti delle esigenze non materiali dei figli. Di colpo l’obiettivo si sposta a 2016 anni fa, focalizzando la Sacra Famiglia. In cerca di un alloggio temporaneo, per trascorrere la notte, Maria e Giuseppe vengono respinti da varie locande e si devono accontentare, al freddo e al gelo, di una grotta.

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - 1 Commento - Stampa veloce crea pdf di questa news

venerdì 02 dicembre 2016 - 19:21:14

Raccolta differenziata: obiettivo 60%, informazione 100%, inciviltà 0%



rifiutiricicli-669x336.jpg
Stavo rientrando a casa in tarda serata. Sarà stata mezzanotte. Ho visto che nei bidoni della carta esposti fuori da un palazzo della mia via. Pieni… sbucava di tutto, soprattutto bottiglie di plastica. Fuorché la carta.
 
Rispetto alla raccolta differenziata esistono due grossi filoni su cui operare. Da un lato, e al primo posto, metto la conoscenza di come effettuarla, dei grandi benefici, sia ambientali che economici che una corretta gestione dei rifiuti comporta. A tanti magari, io per primo, mancano quelle piccole preziose nozioni che potrebbero aiutare a migliorare la qualità dei rifiuti che conferiamo ai consorzi.
 
Dall’altro c’è una buona fetta della popolazione che se ne frega e che non intende spendere neanche un minuto della sua giornata per separare la spazzatura. Quelli per cui deve fare tutto il comune perché non spetta a loro. Quelli per cui fregarsene di tutto e degli altri è comunque una forma di libertà. Dico fin da subito che non voglio assolutamente privarli di questo vezzo. Tra pochi giorni però la loro facoltà di gettare tutto a caso diventerà un lusso: verranno infatti vessati da ripetute sanzioni e perseguiti. La comunità, in questo modo, almeno economicamente non risentirà delle loro cattive abitudini. La loro pessima gestione del rifiuto non è influenzata dal livello di conoscenza (forse di intelligenza sì, ma questo è un altro discorso) ma solo da quanto li si tocca nel portafogli.
 
Vuoi continuare a mettere la plastica nella carta? O continui a sbattere tutto nell’indifferenziato perchè non ti vuoi spremere le meningi? Non c’è problema. Paghi.

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - Lascia un commento prima dei tuoi amici - Stampa veloce crea pdf di questa news

mercoledì 30 novembre 2016 - 17:12:58

Nidi: Aumenta il Numero dei Bambini Iscritti



grafico_bimbi_nido.png
Si è chiuso da poche ore l’ennesimo consiglio comunale dedicato alla scelta di affidare in concessione i nidi. Una decisione difficile, come già detto in passato, ma che ci ha permesso non solo di dare continuità al servizio ma, possiamo dire oggi, di rilanciarlo per gli anni a venire.
 
Non che non se ne dovesse parlare - anzi -, ma purtroppo la discussione si è da mesi incistata sulla questione delle lavoratrici e mai si è potuto discutere nel merito di come cambieranno i nidi cesanesi e cosa di nuovo hanno da proporre. Non sono mancati ieri sera i consueti eccessi cui parte della minoranza ci ha ormai abituati. A tal proposito resto convinto che la politica debba elaborare progetti alla luce della complessità del reale, discuterne e mai perdere il rispetto per l’altrui punto di vista. Quando invece scendono in campo slogan, strumentalizzazioni e si pensa alle Istituzioni come a una piazza in cui fare gli strilloni, beh… concedetemi un po’ di delusione.

Come in altre vicende, è stato reiterata la strategia del “Al Lupo, al Lupo!” e se possiamo tranquillizzare tutti sul fatto che alla fine comunque il lupo non si presenterà, non possiamo esimerci dal dire che diverse false notizie sono state diffuse ad arte e che queste sono state usate nei mesi scorsi nel tentativo di paralizzare l’attività del consiglio comunale.

E così, ieri sera, dopo aver dimostrato nei mesi scorsi - leggi e conti alla mano - che le educatrici non sarebbero state licenziate, che non sarebbero state trasferite dai nostri nidi, che avremmo integrato lo stipendio base fino a coprire il differenziale, che la scelta della cassa previdenziale sarebbe stata opzionale etc; ieri sera ancora le opposizioni hanno voluto mettere sotto la lente di ingrandimento tutte le questioni, sostanzialmente sindacali, che riguardano il personale trasferito.

Continua a leggere...
   Facebook MySpace Digg Twitter

Inserito da Simone Negri in Cesano - Lascia un commento prima dei tuoi amici - Stampa veloce crea pdf di questa news

Vai a pagina  1 2 3 ...... 20 21 22

www.simonenegri.it © 2013
Comitato elettorale per Simone Negri Sindaco di Cesano Boscone
Amministrative 2014

E.Grava